POLO SPORTIVO CAPO D'ORLANDO

> specifiche di progetto

Programma
Concorso Internazionale a partecipazione aperta. Secondo posto

Data
2012

Luogo
Capo d'Orlando (ME)

Committente
Comune di Capo d'Orlando

Attività
Progetto preliminare

Team
km0architetti, De Cola Associati (Capogruppo),Ing. Andrea Imbrenda, Valentina D'Urso

Una grande massa deformata, piegata da forze che provengono dall’alto, dalle linee spezzate dei Nebrodi, o dal basso, dai movimenti tellurici generati dalla terra. Una zolla scavata, una spessa piastra modellata a seconda delle esigenze per generare volumi dal carattere scultoreo. Una architettura dell’ombra, del Sud. Mediterranea e massiva, chiusa su se stessa. Una architettura che ripara dal sole, con poche, grandi bucature vetrate che lasciano penetrare una luce avvolgente e grandi superfici opache che la filtrano, riparando dal caldo.

Il progetto è inteso come strumento di riqualificazione di tutta l’area, interpretata come un unico sistema mare-monti dove i vari elementi, sia esistenti che nuovi, vengono legati fra loro in un tutto armonico. L’area in località Pissi si configura come una terra piatta, priva di emergenze se si esclude quella del campo di atletica; uno spazio “orizzontale” che, dalla linea ferrata all’area del parco, è caratterizzato solo da una lieve pendenza. Oltre al contesto fisico “in essere” è stato valutato attentamente anche lo stato “in fieri” dell’area, analizzando e studiando le trasformazioni urbane previste dal PRG di Capo d’Orlando.

Dalla lettura dei tracciati esistenti nasce il disegno del Parco. Da questi scaturisce una maglia, una trama che si contamina con le linee derivanti dal Polo sportivo disegnando le aree attrezzate e quelle verdi. Questa griglia geometrica, come nella tradizione dei campi coltivati, ha un passo variabile che definisce appezzamenti di suolo di diversa superficie, compresa tra i 100 e 1000 mq, come da indicazione dalle Norme di Attuazione del PRG. Ad ogni particella corrisponderà una coltivazione specifica, creando dei percorsi tematici delle specie mediterranee.

Un cannocchiale che si solleva dal terreno e traguarda il mare, che supera  il rilevato della ferrovia e, allo stesso tempo, crea un nuovo affaccio verso la pista di atletica.  Un piano rialzato, un punto di vista privilegiato: verso il mare e le isole Eolie da un lato, verso i monti Nebrodi, duri e spigolosi, alle spalle.

Schemi di progetto

Schemi di progetto

Planimetria d'insieme dell'intervento e profilo dell'area di progetto

Planimetria d'insieme dell'intervento e profilo dell'area di progetto

Plastici di studio.

Plastici di studio.

La corte di accesso in un'immagine di progetto.

La corte di accesso in un'immagine di progetto.

Piante di progetto ai diversi livelli.

Piante di progetto ai diversi livelli.

Sezione longitudinale

Sezione longitudinale

Immagine di progetto dell'interno

Immagine di progetto dell'interno